Chianti Docg Casata Davini
9 aprile 2017
Falanghina Tra le Righe
25 giugno 2020

Falanghina Igp Cala del Lupo

Il vitigno Falanghina, importato dai Greci deriva il suo nome dai “falanga” dei pali di sostegno sui quali veniva legata la vite: Falanghina infatti significa “vite sostenuta da pali”.
Diffuso su circa il 5% del territorio vitato italiano, le zone principali di produzione sono: il Sannio Beneventano, parte del Casertano e i Campi Flegrei.
Il vitigno Falanghina si compone di un grappolo compatto, dalla forma conica o cilindrica collegato a foglie di medie dimensioni di forma trilobata, cuneiforme o pentalobata.
Di medie dimensioni, gli acini hanno invece una forma sferica con buccia di colore giallo-verde e pruinosa.

Zona produzione: Beneventano
Vitigni: Falanghina 100%.
Vinificazione: Pressatura soffice e conseguente fermentazione a temperatura controllata. Affinamento in acciaio.
Abbinamento: Ottimo su caprese, antipasti leggeri e primi piatti a base di crostacei, tranci di salmone con salsa all’aglio, gnocchi alle zucchine.
Colore: Giallo paglierino scarico.
Profumo: Intenso, persistente, sentori di mela renetta.
Sapore: Floreale leggermente acidulo.
Temperatura di servizio: 10°C
Alcool: 13% vol.