Ribolla Gialla Venezia Giulia Igp Le Baccanti
9 aprile 2017
Sasso Giallo Bianco
8 ottobre 2019

Rosso del Michi Doc

Le testimonianze dell’attività nel settore vinicolo relative al territorio di Montecarlo sono molto antiche: si riscontrano documenti già nell’anno 846 d.c., nel 1200, ma solo nel 1371 compaiono le testimonianze dei nomi dei primi tavernieri montecarlesi, i quali usavano i vitigni base quali il Trebbiano toscano e il Sangiovese. E’ con la fine del 1800 che, per migliorare ulteriormente i propri vini, un viticultore montecarlese, in seguito a un accurato studio dei vitigni francesi, sperimentando le giuste percentuali dei vitigni stranieri da aggiungere a quelli di base, sancì la nascita di quello che è oggi il Montecarlo Doc. Infatti con decreto del Presidente della Repubblica l° ottobre 1985 è stata riconosciuta la denominazione di origine controllata del “Montecarlo Rosso”, nel quale è prevista la presenza delle seguenti uve: 50-75% Sangiovese, 5-15% Canaiolo nero, 10-15% singolarmente o congiuntamente Ciliegiolo, Colorino,Malvasia Nera, Syrah, Cabemet Franc, Cabemet Sauvignon,Merlot.
Zona produzione: Montecarlo (LU)
Vitigni: Sangiovese, Canaiolo, Ciliegiolo, Colorino, Malvasia, Sirah.
Vinificazione: Macerazione di 8-10 giorni. Fermentazione controllata a 22°-25°C.
Abbinamento: Vino da tutto pasto.
Colore: Rosso rubino.
Profumo: Tipico, persistente ed equilibrato.
Sapore: Asciutto, rotondo e vellutato.
Temperatura di servizio: 18-20°C
Alcool: 12,5% vol.